Detto fatto!

D’ora in avanti il pagamento avverrà tramite codice QR

Il 30 giugno in tutta la Svizzera sarà introdotta la QR-fattura. Al posto delle polizze di versamento arancioni o rosse si utilizzeranno fatture con codice QR. Vi spieghiamo come funziona.

Claudia Langenegger

Un esempio delle nuove QR-fatture.
Ecco come si presentano le nuove QR-fatture: il codice contiene tutte le informazioni importanti sul pagamento. Le stesse informazioni sono anche stampante sotto forma di testo.

A fine mese in tutta la Svizzera verranno introdotte le nuove QR-fatture. La nuova fattura si basa sul codice QR, una matrice quadrata formata da quadratini neri e bianchi che è stata sviluppata nel 1994 da un’azienda giapponese e che garantisce un’applicazione affidabile. La QR-fattura è stata introdotta in quanto, a differenza delle attuali polizze di versamento, soddisfa tutti i requisiti regolatori nazionali e internazionali.

Scansionare anziché digitare

Il codice QR contiene tutte le informazioni importanti sul pagamento: si può scansionare tramite smartphone o leggere con un lettore di giustificativi. È possibile scansionarlo direttamente con la fotocamera della maggior parte dei telefoni cellulari, in tutta semplicità, non serve alcuna app specifica.

L’aspetto positivo è che non sarà più necessario inserire manualmente i dati e il numero di riferimento per effettuare il versamento. Chi non vuole scansionare, non possiede uno smartphone o preferisce digitare, può continuare a farlo: tutti i dati rilevanti per il pagamento sono stampati sulla fattura sotto forma di testo accanto al codice QR.

Modalità di versamento invariante

Il versamento di una QR-fattura può essere eseguito con le stesse modalità di sempre: allo sportello e presso gli sportelli automatici per fatture nelle filiali, sotto forma di ordine di pagamento in busta, tramite servizio a domicilio, tramite smartphone nella PostFinance App o in e-finance.

Generare un codice QR anziché utilizzare polizze di versamento prestampate

Piccole imprese, lavoratori autonomi o associazioni che utilizzavano polizze di versamento neutre, rosse o arancioni prossimamente non dovranno più ordinare polizze di versamento, bensì generare un codice QR per mezzo di un apposito generatore QR. PostFinance metterà a disposizione tale applicazione a partire dal 30 giugno 2020. 

Per il momento le polizze di versamento arancioni e rosse continuano a essere valide; il termine ultimo di transizione non è ancora stato stabilito. Anche le polizze di versamento neutre possono ancora essere utilizzate. L’utilizzo del codice QR non è obbligatorio.

scritto da

Claudia Langenegger

Redattrice