News

«Per una maggiore accettazione e tolleranza»

La diversità e l’inclusione possono essere raggiunte solo affrontando le preoccupazioni dei propri gruppi target. La Posta si impegna in questo campo, ad esempio attraverso la propria rete interna RAINBOW.

Janina Gassner

Sezione Rich Content

Bandiera della rete RAINBOW

La diversità e l’inclusione sono due priorità per la Posta. Per questo motivo, l’azienda dispone di reti interne che inglobano attivamente le preoccupazioni dei vari gruppi d’interesse nel proprio lavoro quotidiano. Una di queste reti è RAINBOW, il punto di riferimento per tutte le esigenze della comunità LGBTQIA+.

«Abbiamo fondato RAINBOW nel 2015 in stretta collaborazione con la Posta», afferma Simon Graf, co-presidente dell’associazione. «Da un lato, vogliamo essere un punto di contatto per i dipendenti della community e rappresentare la loro voce. Dall’altro intendiamo lavorare allo sviluppo di una cultura aperta nell’azienda, creare tolleranza e accettazione nei confronti della comunità e abbattere i pregiudizi».

Dalla fondazione di questa rete, la Posta partecipa come gruppo a ogni Pride in Svizzera. L’ultima volta è stata prima della pandemia, con più di 50 persone. E anche se il divertimento e lo scambio vivace nella comunità non mancano, RAINBOW è molto più di un’allegra brigata. Oltre a svolgere una funzione di consulenza per i collaboratori della comunità, la rete sviluppa anche raccomandazioni di azione a favore della diversità e dell’inclusione alla Posta (ad esempio nei bandi di concorso, negli articoli sulla discriminazione nel CCL ecc.).

Foto di gruppo di RAINBOW

«Grazie alla collaborazione con RAINBOW, possiamo rispondere molto meglio alle esigenze dei nostri collaboratori della comunità LGBTQIA+ e sostenerli in modo mirato», dice Yvonne Moser, specialista Sviluppo del personale e dell’organizzazione della Posta. «E inoltre imparare a conoscere meglio i bisogni della società. Perché la Posta c’è, per tutti, non solo per i collaboratori, ma anche per i clienti. Senza distinzione di origine, stile di vita né orientamento sessuale».

Tra le tante attività di RAINBOW, la Posta sta attualmente collaborando con l’Ufficio del personale per ricevere il label ufficiale Swiss LGBTI, un riconoscimento che premia le imprese che si distinguono per il proprio impegno a favore delle pari opportunità dei propri collaboratori LGBTQIA+. «Abbiamo consacrato molto tempo a questo fine e compiuto molti passi avanti concreti. Il riconoscimento del nostro datore di lavoro in questo campo sarebbe un ottimo traguardo» afferma Peter Ruefenacht, anch’egli co-presidente della rete.

L = lesbiche

G = gay

B = bisessuali

T = trans*

Q = queer/questioning

I = intersessuali

A = asessuali/aromantici

+ = tutte le altre persone che si sentono parte anche della comunità queer.

scritto da

Janina Gassner

Specialista Digital Content