Area contenuti principali

Vai alla panoramica

La Posta costruisce tre centri pacchi regionali

Comunicazione da 29.06.2017

La Posta getta le basi per il futuro del trattamento dei pacchi: entro il 2020 investirà circa 150 milioni di franchi nella costruzione di tre nuovi centri pacchi regionali nei Grigioni, in Ticino e in Vallese. In questo modo la Posta risponde alla forte crescita del commercio online e all’aumentata richiesta dei clienti di ricevere gli invii il più rapidamente possibile.

Entro il 2020 è prevista la costruzione di tre nuovi centri pacchi regionali, a Cadenazzo (TI), nella zona di Landquart (GR) e a Vétroz (VS), al fine di decongestionare quelli attuali di Daillens (VD), Härkingen (SO) e Frauenfeld (TG). Gli invii saranno smistati e recapitati nelle rispettive regioni senza dover passare, come accade oggi, per gli attuali centri pacchi. In tal modo una parte della logistica dei pacchi sarà trasferita a livello regionale. Con questo investimento multimilionario la Posta genera inoltre un valore aggiunto nei Grigioni, in Ticino e in Vallese.

La Posta investe nelle regioni rurali

Il primo dei tre nuovi centri pacchi regionali sorgerà a Cadenazzo nell’area dell’attuale base di distribuzione. Il progetto prevede la costruzione di un edificio industriale con banchine di carico per autocarri e furgoni e un impianto di spartizione dei pacchi. In questo centro saranno smistati tutti i pacchi impostati e recapitati in Ticino. L’impianto sarà operativo alla fine del 2019.

Anche a Vétroz e nella zona di Landquart è prevista entro il 2020 la costruzione di due ulteriori centri pacchi regionali. Le attuali prestazioni delle sedi di distribuzione per pacchi a Bex, Briga e Sion saranno accorpate, insieme allo smistamento dei pacchi, nel nuovo centro regionale di Vétroz, mentre in quello che sorgerà nella zona di Landquart saranno trasferite le attuali sedi di Buchs e Landquart. Presso queste sedi la capacità di spartizione sarà di 8000 pacchi all’ora. Tutti i collaboratori continueranno a prestare servizio presso le nuove sedi. Per alcuni di loro il tragitto casa-lavoro risulterà più lungo.

Il mercato dei pacchi è in piena espansione

La costruzione dei tre centri pacchi regionali rappresenta la risposta al boom del mercato dei pacchi. Nel 2016 la Posta ha recapitato quasi 122 milioni di pacchi, con un incremento del 6% rispetto al 2015. Tale aumento è riconducibile principalmente all’espansione del commercio online. Inoltre, poiché i clienti online sempre più spesso desiderano ricevere i loro pacchi il giorno dopo l’ordinazione, è in aumento anche la richiesta di pacchi Priority. Mentre 15 anni fa la loro percentuale era di circa il 20%, nel 2016 è salita per la prima volta oltre il 50%.

La Posta investe ancora nei centri pacchi

Tra il 2014 e il 2016 la Posta ha investito già circa 60 milioni di franchi nell’ampliamento dei tre grandi centri pacchi di Daillens, Härkingen e Frauenfeld aumentando la capacità di spartizione di circa il 25%. Secondo stime interne questa non è tuttavia sufficiente per assorbire il crescente volume fino al 2020. Certa che il boom del commercio online persisterà anche nei prossimi anni e spinta dalla necessità di soddisfare interamente la domanda attesa dopo il 2020, con la costruzione dei tre nuovi centri pacchi regionali la Posta getta le basi per il futuro del trattamento dei pacchi.

Informazioni:
Léa Wertheimer, +41 58 341 08 84, presse@posta.ch