Area contenuti principali

Vai alla panoramica

Nel 2018 la Posta rinuncerà alla tassa per la revisione doganale

Comunicazione da 14.08.2017

La Posta e il Sorvegliante dei prezzi hanno sottoscritto una nuova composizione amichevole. La soluzione pattuita include adeguamenti di prezzo e di assortimento, nonché vantaggi in termini di prezzi e semplificazioni per i clienti a partire dal 1o gennaio 2018. In tal senso, nel 2018 la Posta rinuncerà, tra l’altro, alla tassa per la revisione doganale e adeguerà le categorie di peso e tariffarie dei pacchi nazionali. I prezzi della posta-lettere A e B, invece, restano invariati anche il prossimo anno.

La Posta sottopone i propri servizi a verifiche periodiche, adeguando offerte e tariffe in base agli sviluppi in corso. Nell’ambito della composizione amichevole, per il 2018 la Posta, oltre ad alcuni adeguamenti nel settore dei clienti commerciali, ha concordato con il Sorvegliante dei prezzi anche le modifiche rilevanti per i clienti privati di seguito illustrate.

  • Rinuncia alle tasse per la revisione doganale: la Posta espleta le pratiche doganali per gli invii di merci provenienti dall’estero su incarico dell’Amministrazione federale delle dogane AFD. L’AFD ha la possibilità di predisporre verifiche a campione (revisione doganale) su invii da essa definiti. Per gli oneri risultanti, al momento la Posta addebita al destinatario una tassa pari a 13 franchi. La soluzione attuale non è soddisfacente, come dimostrano gli interventi e le discussioni in seno al Consiglio nazionale e al Consiglio degli Stati. Per questo motivo, la Posta si è detta disposta a rinunciare il prossimo anno alla tassa per la revisione doganale di 13 franchi e di farsi carico dei costi risultanti dalla verifica degli invii. In tal modo, la Posta risponde già alla mozione, da essa sostenuta, del consigliere agli Stati Erich Ettlin che deve essere attuata dal 2019.
  • Nuove categorie di peso e tariffarie per i pacchi nazionali: le attuali categorie di peso e tariffarie vengono ridotte da cinque a tre. In tale contesto, rimarranno invariati i prezzi per i pacchi fino a 2 kg che costituiscono circa l’85% dei pacchi trasportati dalla Posta. Solo per i pacchi superiori a 2 kg, a seconda della categoria di peso, vi saranno leggere variazioni di prezzo.
  • Reintroduzione delle prestazioni complementari per i pacchi del servizio interno: vengono reintrodotte le prestazioni complementari «Fragile» e «Assurance» per i pacchi del servizio interno a causa della richiesta emergente con le ordinazioni online. La Posta risponde del danneggiamento o della perdita di invii fragili («Fragile») o di particolare valore («Assurance») fino a un massimo di 5000 franchi.
  • Sconto online per i pacchi: nel 2018 i clienti privati che allestiranno le etichette per i pacchi del servizio interno tramite Login Posta, a seconda della categoria di peso, riceveranno uno sconto compreso tra CHF 0.50 e CHF 3.00 per ogni pacco.
  • Riduzione del prezzo degli invii di ritorno a ditte di vendita per corrispondenza di CHF 0.50 nel 2018 per i clienti privati.
  • Promozione sui pacchi natalizi: per circa un mese prima di Natale, la Posta concede uno sconto di un franco per tutti i pacchi per i clienti privati in Svizzera.

Per il prossimo anno, la Posta ha evitato consapevolmente di aumentare le tariffe della posta-lettere A e B, rimaste invariate dal 2004, ma riprenderà la discussione sui prezzi per il 2019. Ad oggi non esiste però alcuna decisione sull’entità di eventuali modifiche delle tariffe.

Tutte le modifiche tariffarie per i clienti commerciali e privati sono riportate alla pagina www.posta.ch/offerta18

Informazioni

Servizio stampa Posta, Oliver Flüeler, 058 341 21 95, presse@posta.ch