Comunicati stampa, Comunicati stampa Posta Immobili Management e Servizi SA, Comunicati stampa Mobility Solutions SA

Un ottimo risultato per la Posta

La Posta Svizzera ha chiuso il 2010 con un risultato eccellente: l’utile del gruppo ha raggiunto i 910 milioni di franchi superando i 728 milioni dell’anno precedente e i ricavi d’esercizio sono passati dagli 8558 milioni di franchi del 2009 a 8736 milioni. I fattori principali che hanno contribuito a questo risultato sono stati l’aumento dei depositi dei clienti, gli interventi di ottimizzazione attuati e l’incremento del volume dei pacchi. In tutti e quattro i mercati in cui opera, la Posta ha ottenuto risultati positivi e ha compiuto grandi passi avanti. Le operazioni nel settore delle lettere si sono mantenute su un buon livello e, con 326 posti di lavoro in più, l’organico è cresciuto. La Posta ha bisogno di totalizzare utili cospicui per continuare ad accrescere il capitale proprio, contribuire al finanziamento della Cassa pensioni, sostenere i propri investimenti e consegnare una quota adeguata di utili alla Confederazione.

Sezione Rich Content

Nell’esercizio 2010 la Posta Svizzera ha conseguito un utile di 910 milioni di franchi, con un aumento di 25 punti percentuali rispetto all’anno precedente. I ricavi d’esercizio sono saliti del 2,1% a 8736 milioni di franchi (contro gli 8558 del 2009). La Posta ha migliorato i propri risultati in tutti e quattro i mercati in cui opera, da quello della comunicazione a quello logistico, dal finanziario retail a quello dei trasporti pubblici di persone. I fattori principali che hanno contribuito alla crescita dell’utile del gruppo sono stati l’aumento dei depositi dei clienti e di conseguenza dei proventi da interessi nel mercato finanziario retail, i tagli dei costi nel mercato logistico e della comunicazione e l’aumento del volume dei pacchi.

Il margine sul risultato d’esercizio è passato dall’8,4% del 2009 al 10,7%. Nell’anno in esame gli investimenti, pari a 364 milioni di franchi, sono stati inferiori rispetto a quelli dei dodici mesi precedenti (431 milioni) e, ancora una volta, sono stati interamente autofinanziati. A fine 2010 il capitale proprio prima della distribuzione degli utili ammontava a 4224 milioni di franchi, un risultato inferiore alla media del settore. Rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente l’organico del gruppo è aumentato di 326 impieghi raggiungendo quota 45‘129 posti di lavoro a tempo pieno.

Come in passato la Posta continuerà a contribuire al finanziamento della Cassa pensioni e si impegnerà per allineare gradualmente il suo capitale proprio agli standard del settore e a quanto richiesto dall’Autorità di vigilanza sui mercati finanziari FINMA, per autofinanziare integralmente i propri investimenti e per consegnare alla Confederazione una quota di utili adeguata. Per farlo ha bisogno di ottenere risultati positivi in tutte le unità del gruppo. Il CdA della Posta propone al Consiglio federale di destinare 100 milioni di franchi dell’utile 2010 al finanziamento della Cassa pensioni, 200 milioni di franchi alla distribuzione degli utili alla Confederazione e continuare a incrementare il capitale proprio.

Buoni risultati in tutti e quattro i mercati

All’ottima chiusura 2010 hanno contribuito tutti e quattro i mercati, anche se le singole unità del gruppo hanno evidenziato degli sviluppi diversi. Il 61% del risultato del gruppo è derivato dal mercato finanziario retail. Nel mercato della comunicazione la Posta ha totalizzato con quattro unità del gruppo (PostMail, Swiss Post International, Swiss Post Solutions, Rete postale e vendita) un risultato d’esercizio complessivo di 147 milioni di franchi (contro i 113 del 2009). Grazie a un’attività tuttora fiorente nel settore delle lettere e degli invii pubblicitari PostMail ha realizzato, a fronte di un ricavo d’esercizio di 2619 milioni di franchi (2009: 2808 milioni), un risultato di 199 milioni di franchi (2009: 198 milioni). I ricavi più bassi dovuti in parte al calo dell’1,5% del volume delle lettere indirizzate, alle flessioni dei prezzi introdotte il 1° luglio 2009 e all’assoggettamento all’IVA sono stati ampiamente compensati da guadagni di efficienza, soprattutto nei nuovi centri lettere e nel servizio di recapito.

Con 788 milioni di franchi di ricavi d’esercizio (contro gli 877 milioni dell’anno precedente) Swiss Post International ha conseguito un risultato di 49 milioni di franchi (2009: 53 milioni). Il calo è dovuto principalmente a fattori straordinari, in particolare ai costi unici di ristrutturazione resi necessari dalla decisione della Deutsche Post di trasportare autonomamente in Svizzera attraverso la propria società DHL i pacchi finora affidati alla Posta Svizzera. Con ricavi d’esercizio pari a 665 milioni di franchi (2009: 696 milioni) Swiss Post Solutions ha chiuso con un risultato di 7 milioni di franchi, nettamente superiore a quello dell’esercizio precedente in cui i costi unici per l’integrazione e la ristrutturazione di singole società avevano fatto scendere il risultato a –25 milioni di franchi. Con 1769 milioni di franchi di ricavi d’esercizio (2009: 1359 milioni) l’unità del gruppo Rete postale e vendita ha migliorato il suo risultato portandolo dai –113 milioni di franchi dell’esercizio precedente a –108 milioni. A influire in modo positivo sul risultato sono stati, oltre all’integrazione di Francobolli e filatelia, un andamento generalmente buono degli affari, in particolare nella vendita di articoli di marca non postali, nonché gli effetti sui costi derivanti dallo sviluppo della rete di uffici postali.

Rispetto all’esercizio precedente il risultato del mercato logistico è cresciuto di 119 milioni raggiungendo i 164 milioni di franchi (2009: 45 milioni). PostLogistics ha beneficiato inoltre di un aumento del volume dei pacchi influenzato dalla congiuntura e dal commercio elettronico (+3,8%) nonché di notevoli incrementi dell’efficienza; il modesto calo dei ricavi che si sono assestati a 1478 milioni di franchi (2009: 1488 milioni) è stato compensato in larga misura da tagli dei costi. Con 571 milioni di franchi il mercato finanziario retail (PostFinance) è stato quello che ha contribuito maggiormente al risultato del gruppo (2009: 441 milioni). I patrimoni più consistenti dei clienti e di conseguenza l’incremento dei proventi da interessi e la diminuzione delle rettifiche di valore hanno influito in modo determinante sull’aumento dei ricavi d’esercizio che sono balzati a 2389 milioni di franchi (contro i 2160 milioni dell’anno precedente). Nel mercato in continua espansione dei trasporti pubblici di persone AutoPostale ha chiuso con ricavi d’esercizio pari a 702 milioni di franchi (2009: 640 milioni) e un risultato d’esercizio di 28 milioni di franchi (2009: 27 milioni).

Mantenere i costi sotto controllo e assicurare i ricavi

Il perdurare di previsioni congiunturali piuttosto positive, la concorrenza sempre più agguerrita, gli effetti persistenti della progressiva sostituzione dei mezzi cartacei da parte di quelli elettronici, le ottimizzazioni delle spedizioni dei clienti commerciali, la base di capitale proprio tuttora insufficiente e la dipendenza troppo unilaterale dai ricavi di PostFinance confermano la convinzione della Posta di continuare a percorrere la strada intrapresa. L’obiettivo in tutti e quattro i mercati in cui opera è tenere sotto controllo i costi, assicurare i ricavi e offrire ai clienti servizi di prim’ordine a prezzi in linea con il mercato.

Indici del gruppo

Indice Unità 2010 2009
Ricavi d’esercizio[4] mln di CHF 8‘736 8‘558
Risultato d’esercizio (EBIT)[1] mln di CHF 930 721
in % sui ricavi d’esercizio (reddito EBIT) % 10.7 8.4
Utile del gruppo mln di CHF 910 728
Totale di bilancio mln di CHF 93‘310 84'676
Capitale proprio mln di CHF 4‘224 3'534
Investimenti[2] mln di CHF 364 431
Organico gruppo Posta (senza personale in formazione) unità di personale[3] 45‘129 44'803
di cui all’estero unità di personale[3] 7‘255 6‘986
Personale in formazione del gruppo in Svizzera unità di personale[3] 1‘824 1‘690
Lettere indirizzate del servizio interno mln di invii 2‘365 2‘401
Pacchi nazionali mln di invii 108 104
Punti di accesso numero 3‘612 3‘607

Indici selezionati dei segmenti (unità del gruppo)

Mercato della comunicazione Indice Unità 2010 2009
Mercato della comunicazione Risultato d’esercizio[1],[5] mln di CHF 147 113
PostMail Ricavi d’esercizio[5] mln di CHF 2‘619 2'808
PostMail Risultato d’esercizio (EBIT)[1],[5] mln di CHF 199 198
Swiss Post International Ricavi d’esercizio[4],[5] mln di CHF 788 877
Swiss Post International Risultato d’esercizio (EBIT)[1],[5] mln di CHF 49 53
Swiss Post International Invio di lettere (dalla Svizzera)[5] mln di invii 74,4 170
Swiss Post Solutions Ricavi d’esercizio mln di CHF 665 696
Swiss Post Solutions Risultato d’esercizio (EBIT)[1] mln di CHF 7 -25
Rete postale e vendite Ricavi d’esercizio[5] mln di CHF 1‘769 1'359
Mercato logistico Indice Unità 2010 2009
PostLogistics Ricavi d’esercizio[5] mln di CHF 1‘478 1'488
PostLogistics Risultato d’esercizio (EBIT)[1],[5] mln di CHF 164 45
Mercato finanziario retail Indice Unità 2010 2009
PostFinance Ricavi d’esercizio[5] mln di CHF 2‘389 2'160
PostFinance Risultato d’esercizio (EBIT)[1],[5] mln di CHF 571 441
PostFinance Afflusso di nuovi capitali mln di CHF 10‘662 20‘120
Mercato dei trasporti pubblici di persone Indice Unità 2010 2009
AutoPostale Ricavi d’esercizio mln di CHF 702 640
AutoPostale Risultato d’esercizio (EBIT)[1] mln di CHF 28 27
AutoPostale Numero viaggiatori Svizzera mln di persone 121 118

1  Il risultato d’esercizio corrisponde all’utile d’esercizio al lordo del risultato finanziario non operativo e delle imposte (EBIT)
2  Investimenti in immobilizzazioni materiali, partecipazioni e immobilizzazioni immateriali
3  Organico medio convertito in impieghi a tempo pieno
4  Valori SPI dell’anno precedente adattati per via del restatement
5  A causa dei cambiamenti nella responsabilità dei prodotti, i confronti con l’anno precedente sono possibili solo in parte

Sezione Rich Content