Comunicati stampa, Comunicati stampa Posta Immobili Management e Servizi SA, Comunicati stampa Mobility Solutions SA

Buon risultato in un contesto sempre più difficile

Nel 2015 La Posta Svizzera ha conseguito un utile del gruppo di 645 milioni di franchi (anno precedente: 638 milioni). Il risultato d’esercizio (EBIT) si è attestato a 823 milioni di franchi (anno precedente: 803 milioni). Il leggero aumento è riconducibile principalmente alle variazioni dei valori contabili nel mercato dei servizi finanziari. Restano problematici sia il contesto economico sia il persistere della situazione dei bassi tassi d’interesse. In tre dei quattro mercati si è registrata una stagnazione, se non un calo, dei ricavi d’esercizio.

Nel 2015 l’utile del gruppo si è attestato a 645 milioni di franchi, ovvero 7 milioni in più rispetto all’anno precedente. Il risultato d’esercizio (EBIT), pari a 823 milioni di franchi, ha superato di 20 milioni il risultato dell’anno precedente. Tali sviluppi sono da ricondurre principalmente agli utili contabili sugli investimenti finanziari, alla scomparsa delle perdite contabili dello scorso anno e all’impennata del risultato commerciale nel mercato dei servizi finanziari, in conseguenza dell’abolizione del tasso di cambio minimo con l’euro. Con 8’224 milioni di franchi, i ricavi d’esercizio sono calati di 147 milioni (anno precedente: 8’371 milioni). Il totale del bilancio è sceso da 124,67 miliardi di franchi a 120,33 miliardi.

Pressione sui ricavi derivanti dal core business

In tre dei quattro mercati si è registrata una stagnazione, se non un calo, dei ricavi d’esercizio. Nel mercato della comunicazione i tre segmenti PostMail, Swiss Post Solutions e Rete postale e vendita hanno totalizzato nel complesso un risultato d’esercizio di 263 milioni di franchi (anno precedente: 246 milioni). Il volume di lettere indirizzate di PostMail e Rete postale e vendita è diminuito rispetto all’anno precedente dell’1,4%, mentre la quantità di invii non indirizzati ha registrato un aumento dell’1,7%.

Con ricavi d’esercizio di 2’820 milioni di franchi (anno precedente: 2887 milioni), PostMail ha dato il maggior contributo ai ricavi d’esercizio del mercato della comunicazione. Il risultato d’esercizio di PostMail si è attestato sui 358 milioni di franchi (anno precedente: 334 milioni). I minori ricavi dovuti al calo dei volumi sono stati più che compensati dalla riduzione dei costi d’esercizio.

Swiss Post Solutions ha conseguito ricavi d’esercizio pari a 609 milioni di franchi (anno precedente: 659 milioni) L’aumento a 15 milioni di franchi del risultato d’esercizio (anno precedente: 12 milioni) è da attribuire ai progetti di aumento dell’efficienza presso i clienti esistenti e all’attività commerciale in favore dei nuovi clienti.

Rete postale e vendita, a fronte di ricavi d’esercizio pari a 1’601 milioni di franchi (anno precedente: 1’663 milioni), ha raggiunto un risultato d’esercizio di meno 110 milioni di franchi (anno precedente: meno 100 milioni). La contrazione dei volumi di lettere e pacchi impostati e il calo nel traffico dei pagamenti si sono protratti anche nel 2015. Nonostante i risparmi sui costi d’esercizio non è stato possibile compensare completamente la riduzione del fatturato.

Nel mercato logistico, nonostante l’agguerrita concorrenza, PostLogistics ha raggiunto un risultato d’esercizio di 145 milioni di franchi (anno precedente: 141 milioni). I ricavi d’esercizio si sono attestati a 1’552 milioni di franchi (anno precedente: 1’562 milioni). Le contrazioni del fatturato nel trasporto di collettame e nel settore dello stoccaggio, e i minori introiti nel comparto dei carburanti, sono stati più che compensati dall’aumento del volume dei pacchi e dalle ottimizzazioni dei costi d’esercizio. Il volume dei pacchi è aumentato del 3%.

Nel mercato dei trasporti di persone, AutoPostale ha conseguito un risultato d’esercizio di 29 milioni di franchi (anno precedente: 30 milioni). I ricavi d’esercizio sono saliti a 849 milioni di franchi (anno precedente: 835 milioni). Nonostante la riduzione delle indennità per le attuali prestazioni, si è registrato solo un leggero calo del risultato grazie, in particolare, ai maggiori ricavi in altri settori di attività.

PostFinance confrontata con bassi tassi di interesse

PostFinance, attiva nel mercato dei servizi finanziari, è messa a dura prova dal perdurare della situazione dei bassi tassi di interesse. Nel 2015 l’istituto finanziario ha conseguito un risultato d’esercizio di 459 milioni di franchi, 77 milioni in più dell’anno precedente. L’aumento è riconducibile principalmente ad adeguamenti di valore del portafoglio degli investimenti finanziari (utili contabili) per 25 milioni di franchi. Nell’anno precedente aveva influito negativamente sul risultato la costituzione di rettifiche di valore del portafoglio (perdite contabili) per 84 milioni. Al miglioramento del risultato ha contribuito in maniera significativa anche l’aumento dei volumi delle transazioni sui mercati valutari in seguito all’abolizione del corso di cambio minimo con l’euro. Il risultato da operazioni sugli interessi al lordo delle rettifiche di valore ha registrato invece una flessione rispetto all’anno precedente, a causa dei tassi molto bassi, talvolta perfino negativi, sui mercati. A causa di misure mirate da parte di PostFinance, nel contesto dell’introduzione di interessi negativi da parte della Banca nazionale svizzera, i depositi medi dei clienti si sono ridotti di circa 2’800 milioni di franchi. Nell’anno in esame sono stati 13’000 i nuovi clienti che hanno accordato la propria fiducia a PostFinance.  

Effetti straordinari e destinazione degli utili

Nel 2015 il risultato finanziario della Posta è stato caratterizzato da tre effetti straordinari, che non hanno comunque comportato un adeguamento dei valori dell’anno precedente. La mancata considerazione (normalizzazione) di tali effetti straordinari consente un confronto più agevole con l’anno precedente e la rappresentazione dell’attuale sviluppo aziendale operativo. La normalizzazione per il 2015 interessa l’utile del gruppo, il risultato d’esercizio e i costi d’esercizio.

Il Consiglio di amministrazione chiederà all’Assemblea generale di versare 200 milioni di franchi di dividendi alla Confederazione. Al 31 dicembre 2015, il capitale proprio del gruppo ammontava a 4,39 miliardi di franchi (prima della destinazione degli utili).

Orientare lo sviluppo alla domanda e alla sostenibilità economica

La Posta intende continuare a offrire alla propria clientela servizi di eccellenza anche in futuro. Per investire in infrastrutture e innovazioni e perseverare autonomamente nello sviluppo sul lungo periodo, l’azienda deve poter contare su utili solidi. Mentre le lettere, tutelate da un monopolio parziale, sono interessate da continui cali dei volumi, per i pacchi si assiste a una pressione sui margini. L’evoluzione tecnologica ha modificato sostanzialmente le abitudini dei clienti. Alla Posta si richiede dunque di sviluppare di conseguenza i propri punti di accesso e i propri servizi, di adeguarli alle esigenze dei clienti e allo stesso tempo di realizzare un’infrastruttura economicamente sostenibile.

Cifre del gruppo

Indici Unità 2014 2015
Ricavi d’esercizio mln di CHF 8'371[1] 8'224
Risultato d’esercizio (EBIT)[2] mln di CHF 803 823[3]
in % dei ricavi d’esercizio (margine sul risultato d’esercizio) % 9,6 10,0[3]
Utile del gruppo mln di CHF 638 645[3]
Totale di bilancio mln di CHF 124'671 120'327
Capitale proprio mln di CHF 5'010 4'385
Investimenti[4] mln di CHF 443 437
Organico gruppo Posta (senza personale in formazione) unità di personale[5] 44'681 44'131
di cui all’estero unità di personale[5] 7'627 7'449
Personale in formazione del gruppo in Svizzera unità di personale 2'035 2'077
Lettere indirizzate mln di invii 2'203,1 2'171,6
Pacchi mln di invii 111,8 115,2
Numero di viaggiatori in Svizzera mln di persone 140,6 145,0

1 Valore rettificato (cfr. Rapporto finanziario 2015, punto 2 sulla chiusura annuale del gruppo, Basi di allestimento dei conti, Adeguamento dell’allestimento dei conti).

2 Il risultato d’esercizio si intende al lordo del risultato finanziario non operativo e delle imposte (EBIT).

3 Valore normalizzato.

4 Investimenti in immobilizzazioni materiali, immobili mantenuti come immobilizzazioni finanziarie, immobilizzazioni immateriali e società affiliate.

5 Organico medio convertito in impieghi a tempo pieno, senza personale in formazione.

Cifre di PostFinance SA

Indici Unità 2014 2015
Numero clienti migliaia 2'938 2'951
Numero conti dei clienti migliaia 4'752 4'835
Afflusso di nuovi capitali[1] mln di CHF 2'839 -2'766
Patrimonio dei clienti[1] mln di CHF Ø mese 117'186 114'866
Patrimonio dei clienti in soluzioni dei partner[1] mln di CHF Ø mese 7'125 7'772
Ipoteche[2] mln di CHF 4'713 5'089
Prestiti di capitali a clienti commerciali (utilizzati) mln di CHF 8'165 9'063
Utenti e-finance migliaia 1'624 1'683
Organico unità di personale[3] 3'454 3'571
Transazioni elaborate mln 996 1'020

1 Sulla base di medie mensili.

2 PostFinance non concede ipoteche autonomamente ma in collaborazione con banche partner.

3 Organico medio convertito in impieghi a tempo pieno.

Cifre principali dei segmenti

Mercato della comunicazione Indici Unità 2014 2015
PostMail Ricavi d’esercizio[1] mln di CHF 2'887 2'820
PostMail Risultato d’esercizio[1] mln di CHF 334 358[2]
Swiss Post Solutions Ricavi d’esercizio[1] mln di CHF 659 609
Swiss Post Solutions Risultato d’esercizio[1] mln di CHF 12 15[2]
Rete postale e vendita Ricavi d’esercizio[1] mln di CHF 1'663 1'601
Rete postale e vendita Risultato d’esercizio[1] mln di CHF -100 -110[2]
Mercato logistico Indici Unità 2014 2015
PostLogistics Ricavi d’esercizio[1] mln di CHF 1'562 1'552
PostLogistics Risultato d’esercizio[1] mln di CHF 141 145[2]
Mercato dei servizi finanziari Indici Unità 2014 2015
PostFinance[3] Ricavi d’esercizio[1] mln di CHF 2'175[4] 2'143
PostFinance[3] Risultato d’esercizio[1] mln di CHF 382 459[2]
Mercato dei trasporti di persone Indici Unità 2014 2015
AutoPostale[5] Ricavi d’esercizio[1] mln di CHF 835 849
AutoPostale[5] Risultato d’esercizio[1] mln di CHF 30 29[2]

1 I ricavi e il risultato d’esercizio (EBIT) per segmento sono presentati al lordo delle tasse di gestione e di licenza, e della compensazione dei costi netti.

2 Valore normalizzato.

3 PostFinance SA applica anche le Prescrizioni sulla presentazione dei conti per banche, commercianti di valori mobiliari, conglomerati e gruppi finanziari (DCB). Tra i risultati secondo le DCB e quelli secondo gli IFRS sono presenti alcune differenze.

4 Valore rettificato (cfr. Rapporto finanziario 2015, punto 2 sulla chiusura annuale del gruppo, Basi di allestimento dei conti, Adeguamento dell’allestimento dei conti).

5 Nell’ambito del trasporto pubblico regionale, AutoPostale Svizzera SA è sottoposta all’Ordinanza del DATEC sulla contabilità delle imprese concessionarie (OCIC). Tra i risultati secondo l’OCIC e quelli secondo gli IFRS sono presenti alcune differenze.

Argomenti correlati

Conferenza stampa sul bilancio

Scoprire di più

Rapporto di gestione

Scoprire di più