Comunicati stampa

La Posta apre un centro pacchi regionale a Untervaz (GR)

Dopo 18 mesi di lavori, la Posta inaugura oggi ufficialmente il suo quarto centro pacchi regionale. L’azienda ha investito circa 60 milioni di franchi nella costruzione e nell’infrastruttura: un chiaro segnale del proprio impegno per la qualità del servizio pubblico e per il Cantone dei Grigioni. In futuro la lavorazione dei pacchi avverrà direttamente nella regione. In questo modo sarà possibile ridurre distanze e tempi di trasporto. Inoltre, sul tetto del centro pacchi regionale è stato installato uno dei maggiori impianti fotovoltaici dei Grigioni, che produce energia elettrica per circa 215 economie domestiche di medie dimensioni.

Sezione Rich Content

Dieter Bambauer (responsabile PostLogistics) e il consigliere di Stato Marcus Caduff (direttore del Dipartimento dell’economia pubblica e socialità del Cantone dei Grigioni) inaugurano oggi la nuova sede della Posta a Untervaz (GR). «La messa in esercizio del nuovo centro pacchi regionale a Untervaz nei Grigioni rappresenta una pietra miliare di importanza strategica per la Posta», afferma Dieter Bambauer, responsabile PostLogistics e membro della Direzione del gruppo Posta. Fin da subito i pacchi impostati nei Grigioni e nella regione del Sarganserland, del Werdenberg e del Principato del Liechtenstein non saranno più trasportati fino a Frauenfeld (TG) per la spartizione. In questo modo sarà possibile ridurre distanze e tempi di trasporto. Il centro pacchi, inoltre, è stato approntato giusto in tempo per il prossimo traffico festivo: «Considerato il persistente boom dei pacchi e l’aumento dei volumi previsto per le festività, Untervaz alleggerirà da subito il lavoro del centro pacchi di Frauenfeld», dichiara Bambauer.

La Posta dà prova del proprio impegno per la piazza economica grigionese

Dopo 18 mesi di lavori, la Posta mette in esercizio il centro pacchi di Untervaz, per il quale l’azienda ha investito circa 60 milioni di franchi nella costruzione e nell’infrastruttura di spartizione. A esserne soddisfatto è anche il consigliere di Stato Marcus Caduff, direttore del Dipartimento dell’economia pubblica e socialità del Cantone dei Grigioni: «Con il centro pacchi di Untervaz la Posta dimostra il proprio impegno per la piazza economica grigionese. Siamo lieti che l’azienda consolidi ulteriormente in questo modo la qualità del servizio pubblico nel nostro Cantone, creando nuovi posti di lavoro nella regione e garantendo quelli attuali». Trasferendo la spartizione dei pacchi a Untervaz verranno riunite le attività delle due attuali sedi logistiche di Buchs SG e Landquart. I 115 collaboratori saranno impiegati presso la nuova sede. La Posta ha inoltre assunto 40 nuovi collaboratori, portando l’organico di Untervaz a 155 persone.

40’000 pacchi in più al giorno

Gli aspetti che hanno deposto a favore della zona industriale «Wingertli» di Untervaz come sede del nuovo centro pacchi sono soprattutto la posizione centrale e la vicinanza di un raccordo autostradale. Un altro vantaggio è il fatto che la zona industriale non sia vicina a centri abitati. La Posta ha investito inoltre nei lavori preparatori per un binario di raccordo. La capacità di spartizione del centro di Untervaz è di 8000 pacchi l’ora. Ciò significa che presso la nuova sede la Posta potrà trattare circa 40’000 pacchi in più al giorno. Inoltre, l’edificio è particolarmente sostenibile dal puntdo di vista ambientale: sul tetto del centro pacchi regionale è stato infatti installato uno dei maggiori impianti fotovoltaici dei Grigioni, che produce energia elettrica per circa 215 economie domestiche di medie dimensioni. Con i suoi 2340 pannelli solari su una superficie di 3926 m2 l’impianto fornirà 764 MWh di energia elettrica ecologica all’anno.

La Posta ha in programma di realizzare altri centri pacchi regionali

Di pari passo con il boom del commercio online, anche il volume dei pacchi segna una notevole crescita: lo scorso anno (2019) nei suoi centri la Posta ha elaborato ben 148 milioni di pacchi. Dieci anni fa erano 110 milioni. Per questo motivo, negli ultimi tre anni la Posta ha investito oltre 190 milioni di franchi in centri pacchi regionali. La sede di Untervaz è il quarto centro pacchi regionale i cui nastri trasportatori funzionano ora a pieno regime. Nell’ultimo anno la Posta ha già inaugurato i centri pacchi di Vétroz (VS), Cadenazzo (TI) e Ostermundigen (BE). L’emergenza coronavirus ha fornito ulteriore slancio al commercio online e ha accelerato la crescita già in atto. I centri pacchi aggiuntivi sono fondamentali per consentire alla Posta di gestire anche in futuro il volume di pacchi con i consueti elevati standard di qualità. La Posta ha intenzione di mettere in esercizio ulteriori centri pacchi regionali, anche se resta ancora da stabilire in quali sedi.

 

Informazioni:

Jacqueline Bühlmann, Servizio stampa Posta, 058 341 37 80, presse@posta.ch 

 

Immagini e video: