Importazione: Dogana/IVA

 

Per quale motivo si devono pagare dei tributi al momento del recapito di un invio importato dall’estero?

In linea di massima, tutti gli invii provenienti dall’estero sono soggetti a IVA e a dazi doganali. Il destinatario di un invio proveniente dall’estero è tenuto a versare l’imposta sul valore aggiunto (IVA) sul valore della merce e i tributi doganali sul peso lordo; in determinati casi possono eventualmente aggiungersi altri tributi (cfr. gli altri capitoli sui tributi). Questi costi non vanno confusi con le spese di spedizione.

 

Quali invii postali sono soggetti a obbligo di presentazione e di dichiarazione?

In generale tutti gli invii postali sono soggetti all'obbligo di dichiarazione, con le seguenti eccezioni:

  • cartoline postali con comunicazioni di carattere esclusivamente personale o commerciale
  • lettere con comunicazioni di carattere esclusivamente personale o commerciale
 

Quando devo pagare il tributo doganale e/o l’IVA per invii dall’estero?

In linea di massima, tutti gli invii provenienti dall’estero sono soggetti a IVA e a dazi doganali. Non è previsto alcun particolare limite di franchigia come nel traffico turistico, ma solamente un limite di esenzione per effetto del quale i tributi sono dovuti a partire da un importo di 5.00 franchi per dichiarazione doganale, mentre i dazi doganali e l’IVA sono considerati a parte.

Il limite massimo del valore della merce (spese di spedizione incluse) per una importazione in esenzione IVA è il seguente:

  • IVA all’8% (aliquota normale): CHF 62.50
  • IVA al 2,5% (aliquota ridotta): CHF 200.00

Il limite massimo di peso per una importazione esente da dazi doganali varia in base al peso e al numero di tariffa doganale, che si evince dalla rispettiva categoria merceologica, (cfr. a tal proposito:  http://xtares.admin.ch/tares/login/loginFormFiller.do;jsessionid=P9T5VBMJ1hbLm9jBwhzWngvLp1xBtfFCPtLV8ThKKY70LQQfMrQr!1663280449?l=it)

 

Come si calcola il valore della merce imponibile ai fini IVA?

Esempio di una importazione dalla Germania con le ri-spettive posizioni:

   
Importo fattura CHF 123.50*
- IVA estera (solo se esposta/calcolata) - CHF 23.50
- sconto quantità -
- sconto per pagamento immediato o in contanti -
- cauzione per imballaggio -
+ accrediti -
+ provvigioni -
+ diritti di licenza -
+ spese di spedizione + CHF 15.00
+ dazi all’importazione e dazi doganali (VVC, CMP ecc.) -
+ sdoganamento + CHF 14.95
= IMPONIBILE IVA dell’invio = CHF 129.95 arrotondato a CHF 129.00

*La conversione dell’importo di una fattura da una valuta estera in franchi svizzeri viene effettuata con i tassi di cambio forniti dalla dogana e da questa aggiornati quotidianamente (sempre sulla base dei corsi di cambio del giorno precedente).

 

Come vengono calcolate le spese di spedizione?

Esistono diverse modalità per determinare le spese di spedizione:

  • se le spese di spedizione sono chiaramente indicate sui documenti di spedizione, per il calcolo si utilizza questo importo
  • se nei documenti di spedizione le spese di spedizione sono esposte come facenti parte del valore della merce, non vengono inserite ulteriori spese di spedizione nel calcolo dell’imponibile IVA
  • se nei documenti di spedizione non sono indicate spese di spedizione, queste vengono stabilite in base al valore del francobollo
    (i valori dei francobolli sono i valori medi delle spese di spedizione calcolate da Posta CH SA per un invio dall’estero verso la Svizzera. I valori dei francobolli sono diversi per lettere e pacchi)
  • nel caso di invii regalo con un valore fino a CHF 100.00 le spese di trasporto non vengono inserite nel calcolo dell’imponibile IVA.
 

Cosa si intende per valori dei francobolli e come vengono calcolati?

I valori dei francobolli sono i valori medi delle spese di spedizione calcolati dalla Posta Svizzera per un invio dall’estero verso la Svizzera. I valori dei francobolli sono diversi per lettere e pacchi.

 

Quali aliquote IVA vengono applicate in Svizzera?

In Svizzera si applicano le seguenti aliquote per l’IVA:

Tipo Aliquota IVA
Aliquota normale per consegne e servizi imponibili 8 %
Aliquota ridotta per consegne e servizi imponibili (ad es. libri) 2.5 %
 

Per quale motivo si applica l’IVA sui servizi?

In generale, tutti i servizi correlati a un invio dall’estero sono soggetti a IVA. Tutti i servizi erogati prima e durante l’effettivo sdoganamento devono essere inseriti nel calcolo dell’imponibile IVA e tassati di conseguenza conformemente alle disposizioni doganali (come ad es. lo stesso sdoganamento; cfr. anche la Legge sull’IVA, art. 52).

 

Quali invii possono essere importati come regalo e quali requisiti devono avere?

Invii regalo non vengono sdoganati a condizione che siano rispettati i seguenti criteri:

  • da mittente privato a destinatario privato
  • per uso personale / privato
  • valore  fino a 100.00 franchi
  • dichiarato come regalo (sui documenti di spedizione) o avente chiaramente le caratteristiche di un regalo

Si procede tuttavia allo sdoganamento nei seguenti casi eccezionali:

  • tabacchi
  • bevande alcoliche
  • altre merci soggette a disposto di natura non doganale (cfr. il punto Tributi, disposti di natura non doganale)
 

La dichiarazione doganale di un invio esente da tributi viene fatturata?

No, la dichiarazione doganale di un invio postale esente da tributi è gratuita e pertanto non viene fatturata.

 

In che modo viene applicata l’IVA nel caso di una fornitura sostitutiva?

Nei confronti dell’Amministrazione delle dogane è necessario esibire la prova che si tratti realmente di una fornitura sostitutiva. Questo avviene inoltrando la rispettiva dichiarazione doganale di importazione ed esportazione, comprese le lettere di vettura con i dati corretti. Questo giustificativo consente di richiedere il rimborso dell’IVA.

 

In che modo viene applicata l’IVA nel caso di una riparazione?

Esistono diversi traffici di riparazione che rientrano in procedure differenti.

La merce viene importata per essere riparata in Svizzera (traffico attivo di riparazioni = riparazione in Svizzera):

  • le merci di origine svizzera importate per la riparazione possono essere sdoganate in esenzione da tributi se l’imponibile IVA non supera i 1250 franchi
  • le merci di origine estera importate per riparazione devono essere normalmente sdoganate
  • se la merce riparata viene riesportata è possibile richiedere che l’IVA venga rimborsata o considerata per la procedura di deduzione dell’imposta precedente(tassabile)

La merce è stata riparata all’estero e nuovamente importata in Svizzera (traffico passivo di riparazioni = riparazione all’estero):

  • sono soggetti a IVA solo i nuovi materiali e i costi salariali che devono però essere esposti in modo chiaro nella fattura commerciale
 

Per quale motivo viene bloccata un’ importazione?

Le importazioni dichiarate in modo non corretto o insufficiente vengono bloccate al momento dell’importazione in Svizzera in quanto a causa dei dati mancanti non è possibile decidere in merito allo sdoganamento. Il destinatario riceve una notifica scritta con la richiesta di trasmettere i dati mancanti. Ne conseguono due opzioni:

  1. il destinatario trasmette tutti i dati necessari e sblocca in questo modo l’invio; le spese di elaborazione vengono riscosse direttamente al momento del recapito
  2. il destinatario non intende assumersi alcuna responsabilità per gli errori commessi dal mittente e rifiuta pertanto il recapito; di conseguenza l’invio viene rispedito al mittente

Informazioni più dettagliate sulle imposte dovute sono reperibili sotto Tributi, Tasse / Supplementi, (ispezione, chiarificazione e deposito).

 

Come vengono trattati gli invii composti da più pacchi (MPS)?

Posta CH SA non è logisticamente in grado di elaborare gli invii collettivi uno dopo l’altro. Il mittente deve allegare a ogni pacco una fattura commerciale corretta sulla quale è indicato l’esatto valore del pacco. Se i dati sono esaustivi ed è chiaro che si tratta di un MPS, il valore della merce viene di conseguenza modificato (ad es. con l’annotazione «uno di cinque pacchi», il valore della fattura commerciale è diviso per cinque).
 

Cosa succede se un MPS non è stato riconosciuto?

La Posta Svizzera presenta alla dogana una richiesta per il rimborso delle tasse. L’importante è che il numero dei pacchi sia riconoscibile sulla fattura commerciale.

 

Come si deve procedere per farsi addebitare i dazi d’importazione sulla fattura mensile della Posta?

Questa soluzione può essere utilizzata solo da persone giuridiche che dispongono di una relazione di fatturazione con Posta CH SA. Affinché l’addebito dei dazi d’importazione avvenga tramite fat-tura mensile, è necessario effettuare la registrazione al sito web:  www.posta.ch/import.

 

Come si deve procedere per addebitare i dazi d’importazione direttamente sul conto PCD dell’importatore?

Sul sito web di Posta CH SA è possibile inserire il conto PCD. Dopodiché, i dazi doganali e l’IVA vengono addebitati nei rispettivi conti, mentre le spese di sdoganamento continuano a essere addebitate tramite fattura mensile. È possibile inserire i dati PCD tramite il seguente link:  www.posta.ch/import

 

Come viene calcolato il prezzo dello sdoganamento?

Il prezzo dello sdoganamento dipende dal paese di provenienza e dall’imponibile IVA dell’invio (valore imponibile della merce invia-ta). La modalità per calcolare l’imponibile IVA è illustrata nel capi-tolo Informazioni, Valore della merce.

Per gli invii provenienti dai paesi confinanti (DE, FR, AT, IT) la tariffa base è di 11.50 franchi, mentre per gli invii provenienti da tutti gli altri paesi è di 16.00 franchi. A questa si aggiunge un supplemento del 3% sul valore imponibile della merce (esclusi dazi d’importazione e tassa di sdoganamento).

Esempi di calcolo:

Pacco dalla Francia del valore* di CHF 100.00:
tariffa base: CHF 11.50
supplemento: CHF 3.00 (che corrisponde al 3% del valore della merce)
Prezzo dello sdoganamento: CHF 14.50

Pacco dagli USA del valore* di CHF 300.00:
tariffa base: CHF 16.00
supplemento: CHF 9.00 (che corrisponde al 3% del valore della merce)
Prezzo dello sdoganamento: CHF 25.00

*valore; valore dell’IVA

 

Perché il prezzo dello sdoganamento dipende dal paese di provenienza e dal valore dell’invio?

Il prezzo dello sdoganamento deve essere, da un lato, proporzio-nale all’impegno richiesto (= prezzi più bassi per gli invii normal-mente più semplici da trattare provenienti dai paesi confinanti) mentre, dall’altro, deve risultare interessante per molti clienti come sancito dagli accordi consensuali tra Posta CH SA e la Sor-veglianza dei prezzi federale.

Poiché l’Amministrazione federale delle dogane richiede la corre-sponsione diretta dei dazi doganali e delle aliquote IVA, Posta CH SA anticipa le spese per il destinatario e gli addebiti sui conti e gli addebiti degli interessi che ne derivano vengono indennizzati attraverso il supplemento del 3% sul valore della merce.

 

Su quale valore viene applicato il supplemento del 3%?

Il supplemento viene applicato sul valore della merce dichiarato nella fattura commerciale o in altri moduli doganali, spese di spedizione incluse.

 

Che cos’è il supplemento «ispezione, chiarificazione e deposito» e quando viene applicato?

Il supplemento viene applicato,

  • quando un invio non può essere sdoganato a causa della documentazione doganale mancante, non veritiera o incompleta e deve quindi essere aperto
  • quando un invio, a causa della documentazione doganale mancante o incompleta o per il suo contenuto, deve essere immagazzinato fino al completamento della documentazione o all’arrivo delle decisioni prese dal destinatario o dalle autorità doganali circa lo sdoganamento

Il supplemento ammonta a 13.00 franchi, IVA esclusa e viene applicato una sola volta per ciascuna spedizione; per gli invii non tassabili non sono soggetti a supplemento.

Per evitare la corresponsione di questa tassa, il contenuto dell’invio e l’indicazione del valore della merce, comprese le spese di spedizione, devono essere riportati nella dichiarazione doganale (CN22/CN23) o nella fattura commerciale. I documenti doganali devono essere fissati all’esterno del pacco inviato.

 

Come posso evitare i tributi dovuti per ispezione, chiarificazione e deposito?

Facendo presente al mittente che l’invio per posta deve essere dichiarato con completezza. Il contenuto dell’invio e l’indicazione del valore della merce, incluse le spese di spedizione, ai fini dello sdoganamento devono essere riportati nella dichiarazione doganale CN22/CN23 o nella fattura commerciale. I documenti doganali devono essere fissati all’esterno del pacco inviato.

 

Che cos’è il supplemento «Chiarificazione preliminare allo sdoganamento» e quando viene applicato?

Questo supplemento viene applicato quando vengono avviati accertamenti preliminari sull’effettivo sdoganamento all’importazione (solo su mandato, richiesta tramite Servizio clienti sdoganamento postale) oppure sono richieste le autorizzazioni mancanti necessarie allo sdoganamento (nel caso ad es. di armi o farmaci).

Il supplemento ammonta a 13.00 franchi, IVA inclusa.

 

Quando viene applicato il supplemento «per lo sdoganamento di invii soggetti ai disposti di natura non doganale o a un’imposta aggiuntiva»?

Il supplemento viene applicato quando l’importazione di una merce è soggetta ai disposti di natura non doganale (DNND) (es. metalli preziosi, CITES) o a un’imposta aggiuntiva (alcolici, tabacco).

Il supplemento è di 13.00 franchi, IVA esclusa.

 

Che cosa sono i disposti di natura non doganale (DNND)?

L’Amministrazione federale delle dogane collabora all’esecuzione di disposti federali di natura non doganale. Se un invio di merci è soggetto a un disposto emanato dalla Confederazione, al momento dello sdoganamento è necessario rilevare informazioni supplementari o eventualmente anche effettuare dei controlli visivi. I cosiddetti DNND sono presenti oggi in numerosi settori del diritto, tra cui rientrano gli esempi sottostanti.

  • Sicurezza
    Materiale bellico, armi, esplosivi, materiale pirotecnico, energia nucleare, beni ad uso civile e militare ecc.
  • Proprietà intellettuale, commercio e cultura
    metalli preziosi, protezione dei marchi, diritto di design, diritti d’autore, diritto di brevetto, prodotti elettrici a bassa tensione, lotterie e concorsi, trasferimento di beni culturali
    Per informazioni più dettagliate sui beni culturali consultare il sito:  http://www.bak.admin.ch/kulturerbe/04371/04386/index.html?lang=it
  • Provvedimenti economici e finanziari
    Limitazioni e sorveglianza delle importazioni e delle esportazioni, regolamentazione autonoma in materia di origine, contributi all’esportazione per prodotti agricoli trasformati
  • Contingenti doganali
    Ordinanza sulle importazioni agricole, Ordinanza sul vino, Ordinanza sulle uova, Ordinanze sul libero scambio
  • Salute
    Derrate alimentari, animali e prodotti animali, stupefacenti e precursori chimici, sostanze radioattive, cadaveri, agenti terapeutici e doping
  • Regalie e monopoli
    Alcool, poste, telecomunicazioni, monete, banconote, sale
  • Ambiente
    Epizoozie, protezione degli animali e conservazione delle specie animali (CITES Fauna), animali selvatici, pesca, protezione dei vegetali e conservazione delle specie vegetali (CITES Flora), sostanze pericolose e prodotti fitosanitari, rifiuti ecc.

Per informazioni più dettagliate al riguardo consultare il sito:  http://www.ezv.admin.ch/dokumentation/04027/04031/index.html?lang=it

Il supplemento è rispettivamente di 13.00 franchi, IVA esclusa.

 

Che cos’è l’imposta «revisione doganale» e quando viene applicata?

L’imposta per la revisione doganale viene applicata quando l’Amministrazione federale delle dogane dispone una revisione per un determinato invio, ovvero quando questo viene esaminato.

L’imposta per la revisione doganale può essere applicata anche su invii non tassabili.

L’imposta è di 13.00 franchi, IVA inclusa.

 

Che cos’è il supplemento per «Numeri di contingenti tariffari aggiuntivi» e quando viene applicato?

Questo supplemento viene applicato quando lo sdoganamento di un invio comprende più di cinque numeri di tariffa doganale. Dal sesto numero in poi viene applicato un supplemento di 10.00 franchi per ogni numero di contingente tariffario aggiuntivo.

Esempio di calcolo:

per lo sdoganamento di un invio con otto numeri di tariffa doganale viene applicato un supplemento di 30.00 franchi (IVA esclusa).

 

Quando viene applicata l’imposta di annuncio CMP (controllo metalli preziosi)? Quando viene applicata l’imposta di presentazione CITES? Quando viene applicata l’imposta di presentazione per la protezione delle piante (fitosanitaria)? Quando viene applicata l’imposta di presentazione per la visita veterinaria di confine?

Questa imposta viene applicata quando l’ufficio per il controllo dei metalli preziosi richiede l’inoltro del pacco.

Questa imposta viene applicata quando l’invio, in virtù delle disposizioni vigenti, deve essere inoltrato all’ufficio di controllo CITES.

Questa imposta viene applicata quando l’invio, in virtù delle disposizioni vigenti, deve essere inoltrato all’ufficio di controllo per la protezione delle piante.

Questa imposta viene applicata quando l’invio, in virtù delle disposizioni vigenti, deve essere inoltrato all’Ufficio veterinario di confine.

 

A chi mi devo rivolgere per eventuali domande sullo sdoganamento?

Per domande relative allo sdoganamento di invii postali di qualsiasi genere, contattare il numero: 0848 639 639