Gente

Alla salute!

La birrificazione è molto in voga e per molti, tra cui Daniel Keller, rappresenta un hobby affascinante. Per questa ragione, la Posta ha deciso di rendere omaggio all’arte della birrificazione con due francobolli speciali. Ma cosa si cela dietro il fascino della venerata bevanda a base di malto d'orzo?

Caroline Huber

Daniel Keller seduto mentre si beve una birra in bottiglia
Daniel Keller seduto mentre si beve una birra in bottiglia Copyright: Monika Flückiger

La passione per la birrificazione ereditata da suo papà e dal suo padrino è stata risvegliata in lui da un regalo di compleanno offertogli da sua moglie. Oggi, producono birra insieme e sperimentano con luppolo e malto. Parliamo di Daniel Keller, consulente clienti presso PostFinance e di sua moglie Claudia.

Alla ricerca della ricetta perfetta

Dopo varie prove con diverse ricette, i Keller sono arrivati alla creazione della «Chäswiler Dorfbier», una birra ambrata e speziata. Daniel, ex cuoco, e Claudia, che lavorava in un laboratorio, hanno tutti i numeri giusti per ottenere le sfumature di gusto più raffinate. Naturalmente, durante la sperimentazione possono verificarsi anche dei piccoli contrattempi. «Una volta il malto si è attaccato al fondo del bollitore. C’era un forte odore di bruciato e abbiamo dovuto buttare via 200 litri di birra, per non parlare delle 15 ore di fermentazione andate letteralmente in fumo», ci racconta Daniel. Birrai o birraie si diventa

Daniel Keller controlla la birra
Dopo varie prove con diverse ricette, Daniel Keller è giunto alla creazione della «Chäswiler Dorfbier», una birra ambrata e speziata. Copyright: Monika Flückiger

David e Claudia si sono dilettati nella produzione di diverse varietà di birra, dalle Lager chiare alle Ale scure. E con successo: quando durante una partita di calcio il sindaco di Deitingen ha scoperto per caso che ci sono dei birrai nella sua città, ha chiesto immediatamente ai Keller di produrre la «Chäswiler Dorfbier» per la celebrazione dei 775 anni di Deitingen. Una sfida che il birraio per hobby ha accettato senza esitazioni.

bottiglie di birra
Una Chäswiler Dorfbier fresca di frigorifero Copyright: Monika Flückiger

Nuovo impianto per la festa di paese

Detto, fatto. Come tutti ben sanno, alle feste di paese la birra scorre a fiumi. Ma come fare con un impianto che produce circa 30 litri di birra alla volta? Nessun problema per i Keller, che hanno colto la palla al balzo per costruire dei bollitori più grandi e un vero e proprio impianto con vasche di refrigerazione e fermentazione con una capacità fino a 250 litri. Così sono riusciti a produrre abbastanza succo di luppolo. «Dovrebbe essere sufficiente per non far morire nessuno di sete», afferma Daniel ridendo, «non vediamo l’ora che arrivi la festa e di vedere la reazione della gente».

Bicchieri da birra traboccanti di schiuma e birrerie ricche di storia: i francobolli speciali per l’«arte della birrificazione»

In concomitanza con il lancio sul mercato della «Chäswiler Dorfbier», la Posta propone un’edizione speciale di francobolli dedicati all’arte della birrificazione. L’ideatrice dell’edizione è la zurighese Dina Mory, che è riuscita a concentrare in un minifoglio composto da otto francobolli un patrimonio culturale millenario. Le meravigliose illustrazioni del bollitore, del luppolo e del malto rappresentano le componenti essenziali dell’«arte della birrificazione». Le birre chiare e scure nonché i diversi bicchieri simboleggiano le numerose varietà prodotte in Svizzera.

Dall’idea al francobollo

Questi francobolli speciali sono nati da un’idea della Gestione prodotti Francobolli e filatelia, che decide direttamente alcuni dei 30 temi filatelici sviluppati ogni anno. Questi devono soddisfare determinati requisiti: devono rivolgersi a un ampio gruppo target in tutta la Svizzera e avere una rilevanza culturale. E dato che questi francobolli sull’«arte della birrificazione» li soddisfano appieno, essi sono stati approvati anche dalla Commissione francobolli. I francobolli speciali sono addirittura rivolti a diversi gruppi target: amanti della birra, appassionati di francobolli decorativi, collezionisti e filatelisti. Per di più sono gommati e non autoadesivi, una caratteristica importante per chi li colleziona.

I nuovi francobolli speciali sono disponibili da oggi in tutte le filiali della Posta e nel Postshop.

composto da

Caroline Huber