Francobolli

Diversità sociale

Quest’anno ricorre il 50o anniversario dei cosiddetti moti di Stonewall a New York, una rivolta che vide la popolazione omosessuale e transessuale opporsi per la prima volta alla polizia. In quest’occasione, la rete interna alla Posta RAINBOW si è fatta promotrice dell’emissione di un francobollo speciale.

I moti di Stonewall hanno ispirato movimenti in tutto il mondo, oggi riuniti sotto la sigla LGBTI+, che significa Lesbian, Gay, Bisexual, Transgender and Intersexual, mentre il più sta per «queer». La Posta ha due reti che si occupano del tema del pluralismo: MOSAICO (pluralismo linguistico e culturale) e RAINBOW (LGBTI+). La Posta funge, infatti, da specchio della nostra società: in Svizzera ci confrontiamo ogni giorno non solo con quattro lingue e culture, ma anche con innumerevoli culture alternative di ogni tipo. A causa della rilevanza sociale di questo tema, le organizzazioni postali della Svizzera e del Liechtenstein si sono accordate a favore di un’emissione congiunta. Il motivo svizzero con valore facciale 100 mette al centro il connubio tra diversi progetti di vita, che si incastrano gli uni con gli altri come i pezzi di un puzzle. Nel motivo da 85 della Liechtensteinische Post la pluralità culturale e sessuale è rappresentata da una coloratissima folla di persone.

Intervista a Simon Graf, co-presidente della rete interna alla Posta RAINBOW

Signor Graf, può descrivere in breve che cosa fa la sua rete e quali obiettivi persegue?

Siamo una rete autorganizzata interna alla Posta che innanzitutto vuole far incontrare, in occasione di diverse manifestazioni ed eventi informativi, collaboratori e collaboratrici lesbiche, gay, bisessuali e transgender, nonché tutte le persone interessate. Puntiamo così a mettere in contatto persone da tutte le unità aziendali. Lo scambio, tuttavia, non avviene solo all’interno della Posta, bensì anche con altre aziende e altre reti LGBT. Inoltre diamo vita anche a vari progetti, come la realizzazione del francobollo per celebrare i 50 anni dei moti di Stonewall.

Perché è necessario che ci siano reti come la vostra nel mondo del lavoro?

Credo che le tematiche LGBT+ (lesbian, gay, bisexual and transgender) siano ancora troppo poco radicate nel mondo del lavoro. Cerchiamo di intavolare un discorso, in modo che sia possibile parlare più apertamente di questo tema e cancellare il tabù LGBT+ non solo nel contesto privato, ma anche in quello lavorativo.

Come è strutturata la vostra rete? 

Esiste un team centrale insieme al quale portiamo avanti i progetti. All’interno del team centrale trattiamo possibili progetti e discutiamo i temi attuali. Le manifestazioni e gli eventi sono aperti a tutti i collaboratori che si interessano dei nostri temi. 

Com’è nata l’idea di far realizzare un francobollo in occasione dei 50 anni dei moti di Stonewall?

L’idea è nata durante un’incontro del team centrale della rete. Altri paesi hanno già lanciato francobolli sul tema della diversità, ad esempio la Finlandia o la Germania. In sostanza abbiamo colto l’occasione dei 50 anni dei moti di Stonewall per proporre questa idea anche alla Posta svizzera.

Ti piace il prodotto finale e utilizzerai il francobollo anche per la tua corrispondenza privata?

Personalmente mi piace in particolare il francobollo da 85 ct., che trovo molto adatto alla nostra rete. Ma è evidente che anche l’attuazione del francobollo della Posta A sia riuscita molto bene. Sicuramente acquisterò più set di francobolli e li userò per affrancarci, ad esempio, le mie cartoline natalizie. Informeremo anche altre reti LGBT su questi francobolli speciali, in modo da aumentarne la popolarità. 

Siete già riusciti a ottenere risultati concreti con la rete?

Siamo una realtà relativamente giovane, esistiamo appena dal 2015. Ciononostante, in questo breve periodo, abbiamo messo in moto qualcosa. La rete si è posizionata bene all’interno della Posta. Attraverso progetti concreti come i francobolli o la partecipazione annuale al Pride come gruppo postale abbiamo ottenuto anche qualche risultato visibile.

Chi è Simon Graf 

Simon lavora alla Posta da ben 15 anni e ha svolto diverse attività in differenti posizioni. Ha iniziato nel Marketing e oggi lavora nell’unità Personale. Nel suo tempo libero legge volentieri e ama il contatto con la natura. Simon vive con suo marito in un’unione domestica registrata.

Acquistare francobolli
Tutti i francobolli sono disponibili su postshop.ch.

Informazioni tecniche

Vendita

Filatelia: dal 07.11.2019 al 31.12.2020 o fino a esaurimento scorte
Filiali: dal 14.11.2019 al 31.12.2020 o fino a esaurimento scorte

Validità

Illimitata dal 14.11.2019

Stampa

Offset, 4 colori; Gutenberg AG, Schaan, Liechtenstein

Formati

Segni di valore: 28 × 33 mm e 33 × 28 mm
Fogli: 140 × 194 mm e 194 × 140 mm (5 strisce da 4 francobolli e 4 strisce da 5 francobolli)

Carta

Carta da francobolli bianca, con sbiancante ottico, gommatura opaca, 110 gm²

Dentellatura

13 ¼ : 13 ½ e 13 ½ : 13 ¼

Layout

Luigi Olivadoti, Zurigo
(Folla di gente)
Samuel Jordi, Winterthur
(Puzzle della società)