Francobolli

Famigliole di animali

Per la rubrica «Famigliole di animali» vengono pubblicati quattro francobolli speciali con fotografie di animali in momenti di tenerezza, scattate da quattro fotografi diversi.

Smergo maggiore (0.85): alle famiglie di smergo maggiore piace molto spostarsi. Werner Deppeler ha immortalato una madre – le femmine si riconoscono per la testa color castano – con due piccoli. La covata comprende da 7 a 14 uova. Dopo 60-70 giorni i piccoli sono pronti a spiccare il primo volo.

Marmotta (1.00): le nostre marmotte – qui in uno scatto di Peter Grischott – vivono in grandi famiglie. Al termine della gestazione, che dura 30 giorni, vengono al mondo da due a cinque cuccioli. Dopo due-tre anni alcuni giovani esemplari lasciano la famiglia per fondare una colonia propria.

Lince (1.50): la lince partorisce da due a quattro cuccioli che rimangono con lei per circa dieci mesi prima di cercare un proprio territorio. Manfred Stutz è riuscito a immortalare i due felini in un momento di intimità familiare.

Stambecco (2.00): a Fabian Fopp è riuscito questo dolce scatto. I giovani stambecchi sono in grado di camminare fin dal primo giorno. Durante lo svezzamento, che dura dai quattro ai sei mesi, del padre normalmente non si ha traccia. Rimane infatti con il branco solo durante la stagione degli accoppiamenti in inverno.

Acquistare francobolli
Tutti i francobolli sono disponibili su postshop.ch

Informazioni tecniche

Vendita

Filatelia: dal 30.04.2020 al 30.06.2021 o fino a esaurimento scorte
Filiali: dal 07.05.2020 al 30.06.2021 o fino a esaurimento scorte

Validità

Illimitata dal 07.05.2020

Stampa

Offset, 4 colori; Joh. Enschedé, Haarlem, Paesi Bassi

Formati

Segno di valore: 33 × 28 mm
Foglio: 82 × 198 mm (aperto),
82 x 99 mm (piegato),
5 strisce da 2 francobolli

Carta

Carta da francobolli bianca, con sbiancante ottico, adesiva, su supporto di carta, 196 gm²

Dentellatura

Fustellatura ondulata sui 4 lati

Layout

Werner Deppeler, Thun
Peter Grischott, Malans
Manfred Stutz, Fislisbach
Fabian Fopp, Flims